Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggi l'informativa estesa.

Arsenàl.IT ha come obiettivi prioritari la ricerca finalizzata all'innovazione e la realizzazione di osservatori mirati per l'analisi dello stato dell'arte nel campo delle soluzioni di sanità digitale. Fino ad oggi sono stati realizzati 16 osservatori che riguardano: le applicazioni di telemedicina, l'utilizzo del telelaboratorio, il collegamento dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, la diffusione dei servizi di firma digitale, certificazione, archiviazione, estrazione, distribuzione e conservazioni dei referti digitali, il telemonitoraggio di pazienti cronici, la diffusione dei servizi online per i cittadini, il collegamento con le farmacie e l'impiego di soluzioni di Ambient Assisted Living (AAL).

Alla funzione di osservatorio Arsenàl.IT affianca un'attività di ricerca, studio e confronto dei modelli di eHealth di riferimento nel panorama nazionale ed internazionale effettuata nell'ambito dei progetti gestiti dal consorzio.

Negli ultimi anni è cresciuto considerevolmente il numero di collaborazioni e partnership, perfezionando e mantenendo accordi di collaborazione in particolare con le Università di Padova, Ca' Foscari di Venezia, Udine e Verona.

Dal 2011 è in essere un accordo con l'Istituto di Calcolo e Reti del Centro Nazionale delle Ricerche (ICAR) e nello stesso anno Arsenàl.IT è entrato a far parte di ASSINTER, associazione delle società dell'innovazione tecnologica delle regioni che riunisce aziende a capitale pubblico che operano nel settore dell'informatica per la pubblica amministrazione.

Oltre a collaborare con numerose società scientifiche, Arsenàl.IT opera in stretta collaborazione con IHE (Integrating the Healthcare Enterprise), uno degli enti più autorevoli a livello internazionale nel campo dello studio di linee guida per l'interoperabilità in sanità, ricoprendo nella figura del direttore tecnico il ruolo di Co-chair nel ITI Planning Committee.